INTERVISTA al PRESIDENTE
BENIERO FANFANI 
   
a cura di Aga

AgaBeniero, intanto grazie Per l'intervista, tu che sei schivo e contrario alle esposizioni mediatiche.
Dalle, chiamiamole così, ceneri del CF Pelletterie maschile, é nata questa doppia avventura,
femminile + Robur. E chi se lo aspettava !!

Beniero:
Se devo essere sincero neppure io me lo aspettavo. Dopo l’ultima stagione avevamo un po’ tutti perso la voglia di calcio a 5, io in primis. Io sapevo cosa volevo fare, ma allo stesso tempo sapevo anche che la situazione attuale di una cittadina come Scandicci non lo permetteva nell’immediato. Abbiamo così deciso di ripartire da zero in senso contrario a come lo facemmo quando il C.F. Pelletterie è nato, ovvero dai bambini. Una nuova esperienza molto impegnativa che permettesse di ritrovare nuovi stimoli per tutti noi.

AgaIn estate ti erano arrivate tante chiamate, ma hai deciso di rimanere lontano dal giro, dai riflettori, e di entrare in un mondo, quello dei bambini, affascinante ma impegantivo. I motivi di questa scelta ?
Beniero:
Ringrazio tutti coloro, e sono stati davvero tanti, che mi hanno cercato, ma la mia idea è sempre stata e solo Scandicci, la città in cui vivo e nella quale cercheremo di portare avanti il nostro progetto nel tempo. Non sarà semplice, ma Scandicci ha un potenziale importante in termine di ragazzi da avvicinare al nostro sport.

Aga ... E poi ha resistito questa squadra femminile nel rinato campionato FIGC.
Beniero:
Ho sempre considerato il femminile parte integrante della nostra società; siamo stati la prima società ad approdare in serie A sul campo. Mi dispiace solo che in questi ultimi anni non si sia stati in grado di organizzare un campionato femminile degno di rappresentare la ns regione, dovendosi spesso spostare in altre regioni. Quest’anno per merito del delegato regionale Antonio Scocca siamo finalmente riusciti a far nascere un campionato toscano che serva come trampolino di lancio per il futuro.

Aga:  Il tutto con i collaboratori più fidati rimasti al tuo fianco
Beniero::
Tutti coloro che sono passati dal C.F. Pelletterie hanno contribuito a creare quello che siamo oggi. Per loro la porta di casa è sempre aperta perché loro per primi l’hanno edificata nel tempo. In futuro vorrei che anche altri atleti o ex allenatori che hanno militato nella nostra società diventassero parte integrante del nostro progetto come è successo per i vari Masi, Esposito, Ciangherotti, Pieri. Spero che col tempo si possa arrivare a questo.

Aga Beniero Fanfani: spiegaci il personaggio in poche parole
Beniero:
Nessun personaggio. Sono persona che non ama apparire. Ritengo che in una società si debba dare spazio alla voglia e alle idee dei dirigenti. Sono loro che giorno per giorno vivendo fuori e dentro al campo, ne vivono gioie, tensioni e problematiche. Il Presidente deve valutare l’operato dei dirigenti e dettare gli indirizzi economico-societari.

Aga Per concludere, cosa chiedi a questa stagione e cosa prevede il tuo futuro sportivo?
Beniero:
L’idea nostra è quella di creare ogni anno una squadra giovanile compatibilmente con gli spazi che si verranno assegnati facendo come detto prima il percorso inverso a quello intrapreso in passato. Per quanto riguarda la squadra femminile ci auguriamo di andare il più possibile avanti in coppa e in campionato, con la consapevolezza che, comunque vada a finire, molto del merito della nascita della Scuola Calcio 5 Robur è delle ragazze stesse che si sono rese disponibili e si sono messe a disposizione per il nostro progetto.  

VERAMENTE UN FORTE RINGRAZIAMENTO PRESIDENTE