ECCO LA PRIMA INTERVISTA A 

CARLA MARIA LOU DUCO

a cura di Aga

Un calorosissimo BIENVENIDA a Carla Duco ed Ŕ con immenso piacere che scambiamo quattro chiacchiere con la neo rosanero 

AgaCiao Carla. Meno di un anno fa lasciavi l'Italia per tornare in Spagna, all'Alcorcon. Com'Ŕ andata a Madrid?
Carla :
Diciamo che Ŕ andata, Ŕ stata una stagione diversa rispetto a quelle vissute in Italia. Ma di tutto dobbiamo prendere il lato positivo, imparare e andare avanti.

Aga Hai una storia giÓ abbastanza lunga nel nostro paese col quale il legame affettivo non si Ŕ mai spezzato. Merito dei nonni e......?
Carla :
Mi sono innamorata dell'Italia fin dal primo giorno, soprattutto di Firenze, da subito mi sono sentita come a casa. Sicuramente il fatto che la mia famiglia abbia discendenza italiana conta moltissimo. Se la storia Ŕ lunga Ŕ perchŔ mi sono sentita a mio agio e perchŔ ho trovato un posto dove mi sento molto vicina alle mie radici.

Aga Non dimentichiamo per˛ che sei nata in Argentina, a Mar de la Plata se non sbaglio.
Carla :
Esatto, sono nata a Mar del Plata, per me la cittÓ pi¨ bella al mondo. Sono consapevole di non essere obiettiva ahahahaha ma sono orgogliosa di essere nata lý e soprattutto di essere argentina.

Aga Una carriera luminosa la tua, fatta di successi ma anche di tanta passione. Da dove nasce il tuo amore per il futsal?
Carla :
Il mio amore per quella palla rotonda nasce da piccola. Mio padre Ŕ un ex calciatore ed ora fa l'allenatore, i miei fratelli sono calciatori da una vita, uno ha smesso, l'altro gioca in serie C. Quindi penso proprio che porto il calcio nel mio DNA. Comunque non Ŕ stato facile, soprattutto all'inizio quando vedere una bimba giocare a calcio era strano.

Aga Da noi hai vestito le maglie di Isolotto, Lazio, Real Statte, ed ora ecco l'accordo con il meno famoso CF Pelletterie. Come sei arrivata a questa scelta?
Carla :
Sono assolutamente sincera se ti dico che non Ŕ stata una scelta difficile. Ho un bel rapporto con Giulio, conosco tante ragazze della squadra, mi piace il progetto della societÓ e la sfida della serie A ╚lite, Firenze Ŕ uno dei posti pi¨ belli dove ho vissuto, quindi direi che era proprio una scelta che andava fatta!

Aga Da neopromossa in A1 ╚lite il CF punterÓ a mantenere la categoria. Ti senti pronta ad aiutare le tue prossime compagne in questa difficile mission sportiva?
Carla :
Penso che il campionato italiano ad oggi sia il pi¨ competitivo al mondo. E' una sfida difficile ma bellissima che mi sento pronta di affrontare, e spero tanto di poter essere di aiuto, insieme alle mie compagne, per raggiungere l'obiettivo della societÓ.

Aga A proposito, hai detto che conosci giÓ qualcuna di loro, mentre lo staff tecnico?
Carla :
Dello staff tecnico personalmente non conosco nessuno, invece delle ragazze ne conosco tante. Ho condiviso lo spogliatoio con Letizia, Erica, Vanessa, Paula, Giulia, Debora, e di Roberta sono stata compagna oltre che all'Isolotto anche alla Lazio e allo Statte.

Aga Per concludere, giÓ tanti tifosi si sono detti super felici di averti con noi al CF. Cosa ti senti di dire loro?
Carla :
Vorrei dirgli che sono felicissima di essere arrivata in questa societÓ, e che dar˛ il massimo per raggiungere gli obiettivi e spero di poterci togliere delle belle soddisfazioni insieme. Non vedo l'ora di cominciare.

MUCHAS GRACIAS CARLA